• 19 FEB 13
    • 0
    Le tre età

    Le tre età

    ETA’ PEDIATRICA-EVOLUTIVA

     

    In età pediatrica si effettuano due tipi di interventi.

    Nei primi tre anni di vita consigliamo ai genitori un’attenzione per un’adeguata igiene orale fin dall’eruzione dei primi denti decidui che sono fondamentali per garantire il futuro benessere della bocca del bambino.

    Dopo i tre anni, se non sono sorti particolari problemi, è consigliato programmare la prima visita di controllo per poter avere un primo quadro generale sullo stato di salute del cavo orale e introdurre il piccolo paziente ad un’accurata igiene.

    Molto importante in questa fascia d’età è la prevenzione e l’intercettamento precoce delle malocclusioni.

     

    ETA’ ADULTA

     

    Le basi impostate nell’età evolutiva sono fondamentali per il mantenimento della salute dentale e parodontale dell’adulto.

    La carie è la patologia più diffusa in assoluto, non è invalidante ma provoca un apprezzabile calo nella qualità di vita dei pazienti.

    L’adozione continuativa di semplici misure igieniche e alimentari unite a controlli frequenti e interventi mirati, sono in grado di ridurre al minimo l’incidenza.

    E’ ormai dimostrato con certezza che la sistematica rimozione della placca ha un effetto protettivo.

    Nel nostro studio si può accedere ad un programma personalizzato di richiamo annuale o semestrale per le visite finalizzate all’igiene dentale.

    Infatti la carie, in crescita a livello mondiale, rappresenta uno tra i più urgenti problemi di sanità pubblica.

    Col supporto di esami convenzionali verrà diagnosticata: visita medica e radiologica consentiranno di accertare il danno esistente. Molto importante è conservare una buona salute dentale e parodontale tramite l’attuazione di un programma che, associando diversi mezzi terapeutici, andrà incontro alle esigenze di ogni singolo paziente.

     

    TERZA ETA’

     

    In età più adulta, nei casi in cui la conservativa non è più applicabile, si dovrà tener conto di un’evoluzione del quadro clinico e rimpiazzare i denti persi.

    Nei pazienti in età avanzata saranno considerate le specifiche problematiche al fine di assicurare, quando sono state chiaramente identificate, la risoluzione più adatta alla riabilitazione in caso di edentulia parziale o totale.

    Una protesi parziale adeguatamente costruita fornirà sostegno ai denti rimanenti e sostituirà quelli persi, restaurando così la forma e la funzione della dentatura.

    Nei casi più gravi, dopo aver raccolto i dati clinici e radiografici, la pianificazione finale del trattamento sarà valutata dal protesista e dal chirurgo per creare una funzione accettabile e un risultato che sia stabile nel tempo.

    Molto importante è anche la valutazione di disordini dell’articolazione temporo-mandibolare mediante un’attenta analisi della storia clinica e odontoiatrica del paziente

    Leave a reply →

Photostream